la persona

Giacomo Nizzolo, la persona

Le due ruote fanno parte da sempre della vita di Giacomo, ma il primo richiamo non è stato quello dei pedali. Papà Franco, infatti, è un appassionato ed ex pilota di motociclismo, e non ci vuole molto prima di trovare Giacomo in sella - sì, ma non di una bici.

E anche quando la passione di zio Paolo lo porterà a scoprire la fatica sui pedali e il suo talento di ciclista, le moto hanno continuato a fare parte della vita di Giacomo: una passione difficile da conciliare con una carriera da corridore, ma costantemente nutrita dalla lettura delle immancabili riviste e le “coccole” alle moto di papà. Le bici, le moto e non soltanto: a caratterizzare Giacomo fin da giovanissimo è una grande attenzione alla moda e allo stile, ed il gusto per gli oggetti raffinati, a cominciare dalla passione per gli orologi.

Uno spazio importante della vita di Giacomo è da sempre dedicato agli amici, molti dei quali lo accompagnano dall’infanzia. Tuttavia, il compagno più fedele è quello che lo affianca anche in squadra da molti anni: Eugenio Alafaci, che con Nizzolo condivide quasi tutto, dagli allenamenti alle vacanze in inverno. Diversi e complementari, Eugenio e Giacomo sono inseparabili in corsa e fuori: di Nizzolo, Alafaci è il primo gregario e il primo tifoso.

Non certo il solo però: a Calò Brianza ha infatti sede il Fan Club Ufficiale Giacomo Nizzolo, capeggiato proprio dallo zio Paolo, e al cui affetto Giacomo si regala spesso e volentieri. Riservato nella vita privata come aperto e disponibile con il pubblico, Nizzolo non si nega all’attenzione di media e tifosi, sia di persona che per mezzo della rete. Per Giacomo i social network non sono la prima passione, ma ad essi si affaccia con crescente attenzione e curiosità. Nella vita di Nizzolo c’è anche spazio per la solidarietà: Giacomo è attivo a sostegno della Marina Romoli Onlus e di altre associazioni benefiche.

Il mondo di Giacomo